“ IL CIOCCOLATO E’ L’UNICA  ARTE CHE RIESCA AD INCANTARE TUTTI E CINQUE I SENSI “  

C’era una volta,  anzi c’è ancora, una grande passione,  quella di sperimentare nuove dolcezze dal profumo inconfondibile. Partiamo dall’inizio, Isidoro Odin arriva a Napoli alla fine dell’800 e per tutta Via Chiaia si diffonde un profumo inaspettato e inconfondibile di cioccolato. Isidoro, nel 1922, apre la sua fabbrica alle spalle di Via dei Mille e poco più tardi sposa Onorina Gay, nasce così il marchio “ Gay Odin “. L’amore per l’arte e la passione per la tradizione sono gli ingredienti necessari per rendere magici  i  suoi cioccolatini. Isidoro non ha eredi così , dal 1960,  trasferisce l’alchimia del suo cioccolato a Giulio Castaldi, e in particolare ad uno dei suoi nipoti, Giuseppe Maglietta. Negli anni ’80, l’avvocato Maglietta, prende il timone dell’azienda coinvolgendo la moglie, Marisa Del Vecchio, e i loro figli che ne apprendono la tecnica, ma soprattutto l’arte di fare un buon cioccolato.

Martedì 13 novembre abbiamo incontrato, Umberto Franzese ed io,  Marisa Del Vecchio nella sua azienda,  che dirige con successo dal 2006 dopo la morte dell’amatissimo marito. Da subito si percepiscono magia ed amore. Entrare in Gay Odin è una vera e propria esperienza sensoriale , si avverte il presente nel rispetto del passato e se ne percepisce la stessa gloria. L’arredo del punto vendita annesso alla fabbrica è quello degli anni ’30, in più sono in mostra, in un piccolo Museo , le macchine usate nel ‘22 ed ora in disuso. Tutto è di buon gusto ed accogliente per poter vivere “ la dimensione magica del cioccolato “. Poi  è proprio lei , la Del Vecchio, a farci da guida nella sua fabbrica, spiegandoci le varie fasi lavorative.  Il  profumo degli ingredienti, l’operosità delle mani,la trasformazione del cioccolato nelle varie forme , la sperimentazione nell’associare sapori insoliti … e poi l’invito ad assaggiare il cioccolato, le cialde, i wafer ed è allora che capisci la differenza! Mentre ci accompagna in giro ci racconta dei benefici che il cioccolato apporta alla salute fisica e mentale, infatti esso ha proprietà salutari per l’apparato cardio – vascolare  e un buon effetto sul tono dell’umore. Una piccola quantità, anche quotidiana, di questa squisitezza, sosterrà una buona salute.

Siamo in prossimità delle Feste natalizie e la Gay Odin prepara le sue delizie per tutti,  grandi e bambini, i ricchi cesti oltre a contenere i famosi cioccolatini come la foresta ( di varie dimensioni), le ghiande, le noci, i limoncelli, le ostriche,  i cremini ed altri ancora,  fanno spazio ad altrettante prelibatezze campane come  il caffè Passalacqua e  il liquore al cioccolato; per i bambini i deliziosi calendari  dell’Avvento rendono più dolce l’attesa del Natale insieme ai trenini al cioccolato guidati da Babbo Natale! Nove i punti vendita in città e da poco anche uno a Roma ed uno a Milano, all’estero no, perché il cioccolato perderebbe la sua connotazione artigianale.

Vi ho raccontato di un’eccellenza tutta napoletana e avendo conosciuto la titolare mi viene naturale una domanda: “ E’ la Prof. Del Vecchio che trasferisce dolcezza al suo cioccolato, o  è il cioccolato che trasferisce a lei questa qualità? “ Intanto sapete cosa sto facendo mentre scrivo? Mangio un cioccolatino,  Gay Odin naturalmente perché come ha scritto Oscar Wilde “ L’unica maniera per vincere una tentazione è quella di cederle “.

Napoli, 19 novembre 2012

Laura Bufano

 

Condividi su Facebook