UOVA DI PASQUA O UOVA DELLA RINASCITA.

 

 

di Laura Bufano

Le uova di Pasqua sono già da un po’ in bellavista nei supermercati, si comprano  in automatico, quasi per dovere, senza sapere  perché e cosa rappresentano. Le uova sono da sempre il simbolo della vita che nasce, ma anche del mistero, quasi della sacralità. Per i Pagani l’uovo era il simbolo della fertilità, l’eterno ritorno alla vita. Per i Greci, i Cinesi e i Persiani l’uovo era un dono da scambiarsi per le Feste Primaverili.  Per gli antichi Egizi, l’uovo era considerato il fulcro dei quattro elementi: acqua, aria, terra e fuoco. Per altre civiltà antiche, le due metà di un uovo, rappresentavano il cielo e la terra fusi insieme a simboleggiare il creato. I Romani usavano colorare le uova di rosso e  sotterrarle nei campi, per propiziarsi la fertilità e l’abbondanza del raccolto L’uovo simbolo antico, legato alla Primavera come stagione feconda, e non solo, come dice un aforisma di ignoto:” Omne vivum ex ovo” ( ogni essere vivente proviene dall’uovo ). Con l’avvento del Cristianesimo, l’uovo è stato adottato soprattutto in relazione alla Resurrezione, intesa come nascita di una nuova vita: il suo guscio rappresenta la tomba dalla quale esce un essere vivente.  Per molto tempo questo simbolo si è mantenuto decorando uova sode, e facendole diventare una sorta di portafortuna, di buon augurio. Per quanto riguarda le uova di cioccolata si tratta di un invenzione relativamente moderna, anche per via del fatto che il cacao venne portato in Europa solo dopo la scoperta dell’ America. Intorno al 1830 fu possibile confezionare le prime uova di cioccolata, grazie a metodi efficienti nella macinazione del cacao, che consentirono di ottenere un cioccolato molto fine e modellabile. Le uova artigianali rimangono un prodotto di qualità superiore che vale senza dubbio il suo prezzo. Per quanto riguarda le uova prodotte industrialmente, l’elemento più importante non è più rappresentato dal cioccolato, bensì dalla sorpresa contenuta. Con l’ausilio di un apposito stampo e con semplici ingredienti è possibile preparare con le proprie mani, l’Uovo di Pasqua. Se il cioccolato delle uova non è stato consumato completamente è chiaro che si può riciclare preparando ad esempio una buona torta al cioccolato. Ultimamente ci è arrivata dal nord Europa una nuova tradizione, quella dell’albero di Pasqua, che simboleggia rinascita e prosperità. Arriva precisamente dalla Scandinavia e sta contagiando sempre più l’Italia. Vengono utilizzati rami di melo in fiore, di ciliegio o di pesco che vengono posti in un vaso e poi decorati con uova colorate, fiori e simboli pasquali. Ora torniamo a Napoli e precisamente da Gay Odin e all’ eccellenza delle sue uova di cioccolato . Come ogni anno, l’opificio di via Vetriera, espone una vera opera d’arte di cioccolato. Simbolo della Pasqua 2013 un uovo di 300 kg. di cioccolato sapientemente decorato, che ha voluto ricordare il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi. Oltre alla riproduzione del volto del maestro, c’è un pentagramma con note colorate e i primi versi di: Va’ pensiero ! Marisa Del Vecchio Miglietta , la regina del cioccolato, così giustamente definita, ha voluto in questo modo incoraggiare l’Italia,tutta, alla “ rinascita “. Grazie Marisa, ce la meritiamo soprattutto se proposta così … dolcemente !

 

PER SAPERNE DI PIU’: L’Italia del cioccolato di Alessandra Meldolesi  Touring Editore.

 

Napoli, 20 marzo 2013

 

Napoliontheroad 21/03/2013

 

Condividi su Facebook