“EN PLEIN AIR”: ANDARE PER SAGRE

 

di Laura Bufano

L’ aria è finalmente più tiepida e le giornate più lunghe invogliano a stare all’aria aperta. Organizzare per il sabato o la domenica, di rimanere fuori casa tutto il giorno per partecipare ad una festa popolare dedicata ad una vivanda o ad un prodotto di stagione, aiuta a rilassarsi. Sto parlando di sagre campane. Il termine sagra ha origine latina, di derivazione dall’aggettivo “ sacrum “ (sacro). Le feste polari dell’antichità venivano celebrate davanti ai templi o, in epoca cristiana, alle chiese ( da qui “ sagrato” ). Durante le sagre dell’antichità venivano spesso effettuati sacrifici animali, oppure offerte di prodotti della terra, che venivano poi consumati dalla comunità intera. Questo rito rimane come traccia nelle diverse sagre gastronomiche che ruotano intorno ad un piatto tradizionale regionale o locale. In Campania il calendario delle sagre in programma per Aprile e per inizio Maggio è piuttosto ricco e io ve lo propongo.

.  19-20 aprile  Striano ( NA ) SAGRA DEL BACCALA’ FRITTO E PAPACCELLE. I partecipanti vengono accolti nella Villa Comunale di Striano, dalle 19.30 fino alle 24 sia per venerdì 19 che per sabato 20. Il menù comprende: Sfizi di baccalà. Penne alla livornese. Baccalà fritto con papaccelle; scarole con papaccelle o patate con papaccelle. Per tutti gli appassionati del pesce, in particolare del merluzzo bianco.

.  Dal 25 al 28 aprile  Preturo di Montoro Inferiore ( AV )  XVI SAGRA PRETURESE DEL CARCIOFO. In cucina prima, ai tavoli poi, è un trionfo di carciofi, da gustare crudi in un ricercato carpaccio, che diventano condimento per lasagna o risotto, componenti essenziali per una parmigiana o di straordinarie polpette e nelle immancabili mammole alla brace. Vede la mobilitazione di tutti gli abitanti del luogo.

.  Dal 25 al 28 aprile  Castelpoto ( BN ) SAGRA DELLA SALSICCIA ROSSA DI  CASTELPOTO VIII Edizione. E’ un prodotto tra i più rappresentativi di Castelpoto. La lavorazione di questo insaccato è particolarmente laboriosa e complessa. Alle carni suine macinate grossolanamente vengono aggiunti lardo e pancetta. Viene anche addizionata la polvere dei “ papauli “ (peperoncino dolce o piccante coltivato in loco ). La salsiccia rossa viene offerta fresca, cotta alla brace o come condimento dei fusilli fatti a mano. La salsiccia di Castelpoto fa parte dei Presidi di Slow Food ( progetti che tutelano piccole produzioni da salvaguardare, realizzate secondo pratiche tradizionali ).

.  Dal 24 aprile al 1 maggio Squille ( CE ) SAGRA DEGLI ASPARAGI XIII Edizione.  Degustazione di piatti tipici a base di asparagi e vino locale , il Pallagrello, che sembra fosse il vino preferito di re Ferdinando IV di Borbone.  Per l’occasione l’intero centro storico si trasforma in un grande ristorante a cielo aperto. Sarà inoltre allestito un mercatino di artigianato e prodotti tipici.

.  2 maggio  Procida ( NA ) SAGRA DEL LIMONE.  Il limone di Procida è famoso per le sue caratteristiche che lo rendono più grande e dolce rispetto agli altri limoni italiani. Serata di degustazioni e scoperte.

Perché resistere a queste tentazioni ?

 

PER SAPERNE DI PIU’:  Fiere e Sagre Paesane, Feste Popolari di Anna Zouli Edizioni Paper.

 

Napoli, 17 aprile 2013.

 

Condividi