Quando l’Arte va in …giro.

di Francesca Bruciano

 

Grande successo e nuove curiosità alla Fiera del Baratto 2012, giunta alla 32esima edizione organizzata da Bidonville per promuovere la cultura del riciclato e dell’usato.

Raggruppati in aree tematiche gli stand di artigianato, modernariato, collezionismo, antiquariato e oggettistica di aziende  e privati ed una serie di laboratori sull’arte e sull’utilità del riciclare, eventi musicali di arte e letteratura.

Un apposito spazio ha ospitato “Arteingiro”, la mostra itinerante lanciata su Facebook dai giovani artisti talentuosi dell’Accademia di Belle Arti di Napoli - Nicola Piscopo, Laura Anatrella, Ciro D’Alessio, Mela Bove, Roberta Borrelli, Andreina Balbi, Francesco Esposito, Alessandra Mai, Giuseppe Avella, Nico Clemente, Pierluigi Gisondi, Antonella Esposito, Gianni Grasso, Cristina Sodano, Amaranta Diamante, Luigi Savona, Cristiano Verde, Ena Villani, Rosaria Di Capua, Paola Pedrizzi, Salvatore Pagano, Mauro Maurizio Palumbo – che hanno sfilato tenendo in mano i propri quadri. Una provocazione peraltro benevolmente accolta dai tanti visitatori ed avvertita come qualcosa di insolito oltre che simpatico, capace di suscitare emozione, curiosità ed interesse. Lo scopo della performance è stato proprio quello di voler rompere gli schemi tradizionali di una qualsiasi mostra d’arte che prevede solitamente l’esposizione fissa di opere  su cavalletto in musei, gallerie e strade, con tutti gli oneri che può comportare in termini di costo e non solo.

La “sfilata” di Arteingiro ha prodotto sorrisi e un forte senso di libertà sia negli artisti che  negli spettatori, i quali si sono soffermati ad ammirare le opere, una volta ferme, e hanno posto domande circa le tecniche adoperate per la realizzazione e il significato di qualche lavoro più particolare. Alcuni addirittura chiedevano il prezzo delle scarpe deposte dagli artisti dinanzi ai dipinti per simboleggiare il percorso appena fatto.

In ogni caso questa manifestazione ha dimostrato che si può fare cultura ovunque e comunque andando tra la gente senza chiedere permessi per esserci. Così dicono gli artisti: <<Arteingiro è libertà di essere liberi, è un gigante allegro che rompe la quotidianità, che non ozia e non riposa, ma produce. E continueremo a produrre ed andare per le strade. Sabato 12 e domenica 13maggio saremo in giro per le vie del centro storico di Napoli e forse anche in tanti altri posti>>.

Napoli, 6 maggio 2012 

 

 

 

Condividi